Il making of di Giuseppe Gallace - La danza a mezz'aria per RigenerArti

Nel grande dipinto a olio, figure fluttuanti disposte in una sorta di cerchio richiamano quasi un rituale, una danza, in cui tutti sono disposti allo stesso livello: che sia un uomo, una donna, una divinità, un animale, non vi è nessuna differenza. Il rimando al passato è evidente: le tinte sono terrose, i corpi decontestualizzati da periodi e luoghi specifici, la posizione dell’animale, al centro della danza, richiama qualcosa di ancestrale. Non vi è nessuna disposizione gerarchica, ma la volontà di considerarsi tutti allo stesso modo, annullando il senso antropocentrico che l’uomo ha assunto col tempo, dimostrato anche con la caccia a scopo ludico. Una danza riconciliatrice tra la natura e l’uomo, in cui non vi è divinità se non la natura stessa. L'opera è esposta per RigenerArti. Il progetto nasce dalla collaborazione, ormai pluriennale, tra il Consorzio delle Residenze Reali Sabaude e l’Accademia Albertina di Torino. Nell’ambito del programma 2021 della Reggia di Venaria - che vede, raccolta sotto il titolo #LaVenariaGreen, una ricca proposta culturale che ha come tema centrale il paesaggio, la tutela dell’ambiente e la sostenibilità - alcuni giovani artisti, allievi dell’Accademia Albertina, riflettono su queste tematiche e creano delle opere site-specific, lasciandosi ispirare ed interpretando la bellezza della natura, dell’arte, del paesaggio della Reggia di Venaria. Le opere verranno esposte dal 6 al 27 giugno nei Giardini della Reggia.

© 2021 Fiera Milano SpA - P.IVA 13194800150
Si è verificato un errore